FFI Apps: FAQ

FI Founders

Siamo i Frati Francescani dell’Immacolata (FFI), a Lei consacrati con voto religioso, perché ci conformi a Cristo per «la via più bella, più piacevole e più sicura» (S. Massimiliano M. Kolbe, SK 1299) e si degni di servirsi di noi quali suoi strumenti per la sua missione di conquistare tutte le anime al Sacro Cuore di Gesù. Si tratta di una missione universale, ad ogni uomo, in ogni luogo, per ogni mezzo lecito. Perciò, essendoci offerti a Lei quali suoi strumenti, il nostro apostolato non può escludere alcuna persona, alcun luogo, alcun mezzo.

FI community

Ciò è stata l’intuizione luminosa di San Massimiliano M. Kolbe, che lo portò a Giappone come missionario, e prima ancora, lo condusse a servirsi del mass media per portare tutte le anime all’Immacolata, e attraverso Lei, a Cristo. Già negli anni 1930, adoperava riviste, giornali e la radio per l’evangelizzazione.

Calcando le sue orme, abbiamo aggiunto anche mezzi di comunicazione moderni quali la tv, il film, i siti Web e di video. Con il presente sito Web, aggiungiamo un altro mezzo ancora, ossia, apps per smartphone e tablet. Siamo stati incoraggiati in questo senso dal messaggio di Papa Benedetto XVI per la 44° Giornata Mondiale per le Comunicazioni Sociali, in cui affermò che i sacerdoti sono chiamati a moltiplicare il proprio impegno, per porre i media al servizio della Parola.

The Dream of Innocent III

Il sostegno al Sommo Pontefice e alle sue iniziative fa parte da sempre dell’autentico carisma francescano, come adombrato già dal sogno profetico di Papa Innocenzo III, in cui vide San Francesco sorreggere la Basilica Lateranense. In questi ultimi anni abbiamo prestato sostegno particolare alla riforma liturgica voluta dal Sommo Pontefice, attraverso un’applicazione generosa del motu proprio Summorum Pontificum. Cerchiamo di «offrire a tutti i fedeli la Liturgia Romana nell’Usus Antiquior, considerata tesoro prezioso da conservare» (Universae Ecclesiae 8, a). Speriamo di contribuire in tal modo al ricupero dello spirito autentico della liturgia, il quale è stato scartato da molti che praticavano (e praticano) un’ermeneutica della rottura.

Affidiamo i risultati delle nostre fatiche all’Immacolata Madre dell’Eucaristia e Madre della Chiesa. Che Ella le renda contribuito valido e fecondo a quella riparazione della Chiesa, a cui San Francesco è stato chiamato – insieme ai figli e alle figlie – dal Crocifisso di San Damiano. Così sia.

Per saperne di più: